Benvenuti

Carissimo Viandante del Web,

se per caso ami la cultura e l'avventura e vorresti conoscere una terra magica e misteriosa, come la Sicilia, questo è il tuo blog. "Il Veltro", come un "segugio", ti indica la via per raggiungere luoghi affascinanti e antichi, tradizioni e feste popolari d'altri tempi e una e più storie.

Leggendo, viaggerai.
Buona Lettura.

Flavio R.G. Mela

Per inviare gli articoli personali o per comunicare
con "Il Veltro Blog" scrivere all'indirizzo e-mail:

segreteria.ilveltro@gmail.com



Spot. Il Veltro. Il Viaggio continua.

Oltre il Cuore di Sicilia. Cartura: bottega d'arte e magia.

"Al passante curioso o cliente desideroso di assaporare l’arte di questo posto un consiglio diamo tosto. Se il cancello vi apre le sue ante, entrate senza porvi tante domande, ogni viandante è benvenuto…”. E’ una frase questa che, nonostante l’accento tipico dei testi d’avventura, è ben reale e indica un luogo vero. In via Passo di Aci 9 a Catania v’è un cancello rosso, oltre il quale è possibile vedere un corridoio adornato con strabilianti oggetti: una sedia con uno schienale a forma di fragorose onde, mani gigantesche, soli che con le loro buffe forme riempiono il sorriso di chi li osserva e tanto altro, tipico di un mondo fiabesco. Incuriositi si oltrepassa il varco. In lontananza due ampie porte, dalle quali esce una luce calda. Appesi alle pareti arnesi antichi da lavoro e qualche bel burattino colorato, che dal chiodo dov’è appeso, sembra divertirsi dello stupore di chi giunge per la prima volta in quel luogo. Una volta che si è giunti alla fine del corridoio interno, ci si affaccia sulla “favola”. Una porta azzurra, tipica delle botteghe antiche, fa da custode. Lì tutto ha occhi, bocca e gesti da donare al visitatore.
Uno schieramento di donne, la cui gonna è una lampada, porge inchini e lì vicino il Paladino Rinaldo delle storie siciliane osserva burbero, chiuso nel suo silenzio. Una giraffa appesa al soffitto e poi delle signore paffute che porgono dei biglietti e, prendendoli, si legge: Bottega Cartura. Sì, una bottega. Ma non è di quelle “normali”. Tutto è colorato, variegato e minuziosamente fantasioso. Ben presto si scopre che quella bottega ha una tradizione di 12 anni e che si occupa di forme e soggetti in cartapesta, un’arte fantasiosa e dalle forme sinuose ed elastiche negli spazi. Ogni angolo è definito da fantasia e da macchie di rosso, verde, giallo, azzurro. Intorno si respira l’arte di chi trascorre tante ore a donare le proprie mani, tra colla, acqua e carta, per la creazione dei sogni delle persone. Una signora, si racconta, ha chiesto un busto a sua immagine, per porre le proprie collane, bracciali ed anelli. I clienti che entrano tornano bambini, si dedicano alle loro emozioni e i bottegai, artisti di sapiente sorriso, come il protagonista della commedia Everdream, il Sognofattore, cercano di modellare sogni e desideri. Non solo i desideri di Catania, ma dell’Italia intera, cosicché si porta quest’arte a Firenze, Bologna e altre mete lontane.
Svelato, dunque, il mistero del cancello rosso e dell’insegna all’esterno di esso, non si smette mai di meravigliarsi e non basta qualche ora per chiudere nella propria memoria ogni dettaglio e ogni significato delle opere, oggetti d’arte e di magia, ed è necessario ritornare nuovamente per concludere un discorso iniziato con un suonatore di tromba o vivere le movenze di una ballerina.
Per chi ama l’arte contemporanea questa bottega è una mappa obbligata, ma, attenzione, ci vuole una buona dose di stupore da spendere!
Il Veltro, che è entrato in bottega, ha voluto donare a questo mondo di Cartura un articolo meno tecnico ma sicuramente descritto secondo le emozioni che questo luogo dona a chi lo visita. 
Si vuole concludere questo articolo con qualcosa di particolare, direttamente dal blog di Cartura ( www.cartura.blogspot.com). Infatti, si apprende che  gli artisti, che hanno dato respiro alla bottega, hanno una simpatica prassi quando la bottega viene chiusa: “Ma a noi piace immaginare che tutte le notti dopo aver chiuso la porta della bottega,un folletto si diverte a giocare con carta e colla e pennelli per poi lasciare in giro solo qualche traccia che darà a noi lo spunto per una nuova follia . E’ per questo che tutte le sere, da 6 anni a questa parte, ci diverte dare la “buonanotte” al nostro folletto”.

Per avere un contatto con la bottega potete scrivere all’indirizzo e-mail carturadesign@tiscali.it

Flavio Mela

Galleria fotografica.

 


1 commento:

Anonimo ha detto...

Grazie per questo bellisiimo articolo che descrive perfettamente le emozioni che si provano entrando in questo fantastico luogo. La sensazione è quella di sentirsi avvolti da una strana magia...di vivere attimi in un mondo parallelo caratterizzato da quella sensazione di "pace" che traspira dal turbinio di colori e figure presenti nella bottega...é stato come tornare bambini!
Francesca